Blog

Polpette di spinaci e merluzzo light

Adoro il mio percorso light, lo trovo ogni giorno sempre più stimolante perché con pochi ingredienti e grammati mi consente di creare dei piatti che rendono meno difficile e più divertente questo percorso.

 Dosi per una persona

400 gr di spinaci freschi

170 gr di filetto di merluzzo fresco

Pangrattato qb

Un cucchiaio di parmigiano

 Noce moscata qb

30 gr  di uovo

10 gr di olio evo

Pepe qb

Sale qb

Preparazione:

lavate e cuocete le foglie di spinaci, io le cucino senza acqua, una volta cotti fateli scolare per bene.

Tritate a coltello i filetti di merluzzo.

Unite in una ciotola il pesce, gli spinaci tritati, il parmigiano, l’uovo battuto, la noce moscata, il sale ed il pepe.

Fate delle palline grandi come noci e passatele nel pangrattato, sistemate le polpette nella placchetta rivestita con carta da forno, distribuite l’olio sulle polpette e infornate a 200° per 30 minuti, giratele a metà cottura.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Crocchette di patate o “cazzilli “ secondo la ricetta di Nonna Lella

Crocchè, crocchette o cazzilli e chissà quanti altri nomi avranno questi piccoli deliziosi cilindri di patate fritte.

Quella che vi propongo oggi è la ricetta della mia mammina che in verità, a sua volta ha imparato da sua madre, la mia adorata nonna Margherita.

Io ho apportato una piccola modifica, invece di usare il caciocavallo grattugiato ho usato il parmigiano e il pecorino.

2 kg di patate

1 uovo

1 cucchiaio di pecorino grattugiato

1 cucchiaio di parmigiano grattugiato

Prezzemolo un ciuffo generoso

Sale

Pepe

Pangrattato qb

Olio di semi di arachidi abbondante

Un consiglio per questa ricetta? Usate e patate vecchie.

Preparazione:   

Un giorno prima lavate e lessate le patate in acqua salata (intere e con la buccia) poi scolatele e lasciatele freddare.

Pelate e schiacciate le patate con lo schiacciapatate per ottenere una purea fine e senza grumi io uso il passaverdure.

Unite l’uovo, il prezzemolo tritato, i formaggi grattugiati e il pepe quindi impastate e riponete  nel frigo.

Il giorno dopo riprendete l’impasto, inumiditevi le mani e a piccole quantità formate le crocchette che passerete nel pan grattato,  friggetele in abbondante olio di semi, quando saranno ben dorate scolatele e riponetele in un piatto con la carta assorbente.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Pici con cavolo nero, guanciale croccante e briciole di pane.

Pentole & Pennelli” è il mio diario dove racconto con le mie ricette, le mie esperienze vissute cariche di tradizioni, di ricordi, di curiosità, di viaggi e di sperimentazione. Questa ricetta ne è l’esempio…la prima volta l’ho gustata a Siena, oggi ve la propongo con l’aggiunta di guanciale.

Si è trasformata in un piatto molto richiesto a casa mia… eseguito con ingredienti semplici che fanno convivialità.

Ingredienti per 4 persone:

500 gr Pici Poggiolini Pasta Fresca  

500 gr di cavolo nero

100 gr di pane sciapo sbriciolato grossolanamente

Sale e pepe q.b.

2 spicchi d’aglio

1 peperoncino

Vino bianco qb

Olio extra vergine d’oliva

Preparazione:

Lavate e tagliate il cavolo nero, togliete i gambi, lasciate solo le foglie verdi più scure.

 Sbollentatelo per 3-4 minuti, scolatelo, strizzatelo bene e ripassatelo in una padella con olio, aglio e peperoncino.

Tagliate il guanciale a strisce e fatelo rosolare in una padella senza l’aggiunta di olio poi sfumate col vino bianco, quando sarà croccante metà lo unite al cavolo nero e l’altra metà lo mettete da parte per la decorazione.

Preparate le briciole di pane o come diciamo noi in Sicilia: a“muddrica atturrata”. Ovvero, in una padella fate rosolare l’olio, l’aglio e una punta di peperoncino poi unite la mollica di pane, mescolate bene fino a quando le briciole diventeranno croccanti.

Mettete a cuocere i pici nell’acqua dove avete sbollentato il cavolo, rispettando i tempi di cottura.

Scolateli, uniteli al cavolo nero, al guanciale ed infine mescolate.

Unite le briciole, mescolate ed impiattate, su ogni piatto adagiate il guanciale croccante che avete messo da parte.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ravioli di castagne con porcini e spigola

Amo fare abbinamenti montagna/mare, in questo caso con il bosco, il sottobosco ed il mare, il connubio per me fa scintille, l’ho trovato davvero fantastico.

Ingredienti per 4 persone

1 confezione di ravioli di castagne Poggiolini   https://www.pastafrescapoggiolini.com/

200 gr Filetti di spigola

250 gr Funghi porcini freschi o se non è periodo congelati

1 spicchio d’aglio

Prezzemolo qb

Pepe nero qb

Sale qb

½ Peperoncino  

Preparazione :

Se usate funghi porcini freschi iniziate dalla pulizia, ricordatevi che il fungo porcino non va lavato.

Aiutatevi con un coltellino affilato dalla lama liscia ed eliminate la parte terrosa sul gambo raschiandolo con delicatezza fino ad eliminare qualsiasi traccia di terra quindi eliminate gli ultimi residui di terra con un panno di cotone delicatamente con un movimento rotatorio.

Staccate ora le cappelle dal gambo facendo attenzione a non romperle, affettatele dello spessore che desiderate secondo i vostri gusti.

In una padella grande, dove salterete i ravioli, scamiciate lo spicchio d’aglio, fatelo dorare con l’olio evo ed il peperoncino, aggiungete i funghi, fateli rosolare ed aggiungete il sale.

Cubettate i filetti di spigola ed uniteli ai funghi e  fate rosolare, il pesce deve essere appena scottato.

Nel frattempo fate cuocere i ravioli per il tempo riportato in confezione quindi scolateli e metteteli nella padella insieme ai funghi ed alla spigola, girate la pasta, fate insaporire ed amalgamate, aggiungete il prezzemolo tritato, impiattate ed ultimate con del pepe macinato fresco.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Ciambella all’arancia e mandorle sofficissima

 Uno dei dolci che in famiglia preferiamo, già nella preparazione è davvero un piacere, il profumo di arancia per tutta casa, un dolce che sa di natale … io associo il profumo delle arance al Natale.

Ingredienti per uno stampo da 24 cm

250 gr di zucchero

250 gr di farina 00

50 gr di farina di mandorle

100 ml di olio d semi di girasole

120 ml di latte

3 uova

1 arancia non trattata

Estratto di vaniglia

Una bustina di lievito

Pizzico di sale

Procedimento

Grattugiate la scorza dell’arancia, tagliate a spicchi l’arancia e ponetela nel mixer insieme all’ olio ed il latte quindi frullate per un minuto, dovrete ottenere un composto omogeneo.

Nella planetaria lavorate le uova con lo zucchero quindi aggiungete il frullato di arance e le farine setacciate con il lievito e la vaniglia, aggiungete la scorza ed il pizzico di sale, avrete un composto gonfio e spumoso.

Imburrate e infarinate uno stampo da 24 cm e cuocete a forno preriscaldato a 180° per 45/ 50 minuti.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Ravioli all’ortica ai coccetti di mare

Ormai è assodato, a me piace cucinare il pesce e le paste di Poggiolini si prestano e si sposano benissimo.

Anche questo primo piatto, preparato con il coccio o gallinella di mare come dir si voglia è ottimo da servire durante le feste natalizie.

Ingredienti per 4 persone

1 confezione di ravioli alle ortiche Poggiolini           https://www.pastafrescapoggiolini.com/

500 gr di coccio/ gallinella di mare

30 gr di capperi sotto sale

30 grammi di olive taggiasche denocciolate

100 grammi di datterini se non è stagione usate quelli in barattolo

200 grammi di passata di pomodoro

1 spicchi di aglio

Sale qb

Olio evo qb

Gambi di prezzemolo 2

Basilico qb

Procedimento:

Preparate il brodo:

lavate e tagliate la costa di sedano, la carota e la cipolla, riempite la pentola con 1 litro di acqua e fate cuocere a fuoco basso per un’ora, trascorso il tempo togliete le verdure e filtrate il brodo, tenetelo da parte.

Pulite e sfilettate il pesce, questo io lo faccio fare dal mio pescivendolo di fiducia.

Per il sugo: mettete aglio e olio in padella fate rosolare, aggiungete i pomodori, la passata di pomodoro,  i gambi del prezzemolo  e sfumate con il vino bianco, quando i pomodori hanno fatto una crema aggiungete il brodo vegetale, uno/due mestoli, e le carcasse dei pesci, fate cuocere per 40 minuti, quindi passate e filtrate, rimettetela sul fuoco per farla addensare.

In una padella mettete olive taggiasche, capperi e qualche pomodorino, olio evo, cubettate i filetti di coccio e fate rosolare mettendo in infusione il basilico, il pesce deve essere appena scottato.

Nel frattempo fate cuocere i ravioli per il tempo riportato in confezione quindi scolateli e metteteli nella padella con il coccio, girate la pasta aggiungete il sugo di coccio qualche foglia di basilico ed impiattate.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tortelli all’arancia al ragù di anatra

Dopo averli cucinati al sapore di mare, l’altro modo quasi automatico è stato cucinarli con l’anatra, è lapalissiano che l’anatra con l’arancia è un connubio perfetto!

Ingredienti per 4 persone 

1 confezione di tortelli all’arancia Poggiolini         https://www.pastafrescapoggiolini.com/

1 petto d’ Anatra

2 cipolle

2 carote

1 spicchio di aglio

2 costa Sedano

1 rametto di rosmarino

1 foglia di Alloro

1 foglie Salvia

1 bicchiere Vino rosso

Olio extravergine d’oliva qb

Burro qb

Concentrato di pomodoro 1 cucchiaino

Sale qb

Pepe qb

 

Preparate il brodo:

lavate e tagliate la costa di sedano, la carota e la cipolla, riempite la pentola con 2 litri di acqua e fate cuocere a fuoco basso per un’ora, trascorso il tempo togliete le verdure e filtrate il brodo, tenetelo da parte.

Pulite e tritate la cipolla, la carota ed il sedano.

Togliete la pelle al petto d’anatra e tritatelo al coltello. Mettete in una padella i triti della cipolla, sedano e carota con la pelle del petto dell’anatra, 3 cucchiai d’olio extravergine, una noce di burro e fate rosolare per bene per qualche minuto quindi togliete la pelle del petto ed aggiungete la polpa dell’anatra, regolate di sale e di pepe ed aggiungete le foglie di salvia, alloro e il rametto di rosmarino, fate rosolare ancora per alcuni minuti e poi sfumate con un bicchiere di vino rosso.

Quando il vino sarà completamente evaporato aggiungete il cucchiaino di concentrato, qualche mestolo di brodo caldo e proseguite la cottura a fuoco lento per circa 1 ora e mezza. Se vedete che il ragù si addensa troppo aggiungere del brodo. Ora il ragù di anatra è pronto per condire i tortelli.

Fate cuocere i tortelli in acqua bollente per il tempo riportato sulla confezione, quindi scolateli e passateli nella padella con il ragù, fateli saltare per 1 minuto e servite.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tortelli all’arancia con ragù di triglie al finocchietto selvatico

Questi tortelli All’arancia ripieni di ricotta e scorza di arancia dal profumo e dal sapore intenso mi hanno ricordato le atmosfere della mia Sicilia.

Ingredienti per 4 persone:

1 confezione di tortelli all’arancia Poggiolini

450 gr di filetti di triglie

250 gr di finocchietto selvatico

12 olive taggiasche

1 cucchiaio di capperi di salina

1 spicchio di aglio

1/2 cipollotto

½ bicchiere di vino bianco

Olio evo qb

½ peperoncino secco

Sale qb

Preparazione

Lavate i filetti di triglie, togliete con una pinzetta eventuali spine e con il dorso del coltello eventuali lische.

Lavare bene il finocchietto quindi sbollentatelo, scolatelo, 2/3 li tritate, il rimanente lo

frullerete con olio evo fino ad ottenere una crema leggera.

In una padella capiente fate rosolare con olio evo lo spicchio d’aglio, il cipollotto tritato

ed il peperoncino quindi aggiungete le olive i capperi dissalati, il finocchietto infine i filetti

di triglia e fate rosolare, sfumate con il vino bianco, fate evaporare, aggiustate di sale e

spegnete.

Fate cuocere i tortelli in acqua bollente, rispettate i tempi riportati sulla confezione,

scolateli e ripassateli un minuto in padella con il condimento, impiattate e per ogni piatto,

aggiungete un po’ di emulsione di finocchietto.

Baccaletti con crema di broccoli all’ aglione di Val di Chiana e colatura di alici di Cetara

Questo potrebbe davvero essere un piatto delle feste natalizie.

 è un incontro tra le mie origini Siciliane, il sud ed il mio amore per la toscana ed i suoi fantastici prodotti.

Ingredienti per 4 persone

Una confezione di Baccaletti Poggiolini

Un broccolo romano medio

1 cucchiaino di Aglione della Val di Chiana essiccato e polverizzato

1 cucchiaio di colatura di alici di Cetara

Un cucchiaio di pinoli

Olio evo qb

Pepe nero qb

Un cucchiaino di marmellata di peperoncini (facoltativo)

 

Preparazione

Riducete in cimette il broccolo, lavatelo e lessatelo al dente quindi frullatelo con olio evo, la colatura di alici e l’aglione, aggiungete qualche cucchiaio di acqua di cottura e rimettete sul fuoco, a fiamma bassa, per 10 minuti.

In una capiente padella fate tostare i pinoli con l’olio evo.

Fate cuocere i baccaletti nell’acqua di cottura del broccolo, rispettate i tempi riportati nella confezione, scolateli e ripassateli con l’olio ed i pinoli per un minuto.

Per ogni piatto spalmate due cucchiai di crema di broccoli, sopra adagiatevi i baccaletti, distribuite i pinoli e se vi piace qualche goccia qua e là di marmellata di peperoncini.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Baccaletti al profumo mediterraneo

I Baccaletti deliziosi Triangoli di pasta fresca all’uovo ripieni di baccalà, come per ogni ricetta assaggio sempre la pasta ripiena cruda, mi credete se vi dico che mi sono trattenuta dal finirli?

Buonissimi anche crudi!!!

Mi sono lasciata ispirare dalla mia Sicilia, in questo periodo è facile che accade … inizio a sentirne la mancanza ed allora i miei piatti iniziano a prendere quella direzione … verso Sud!

Ingredienti per 4 persone

Una confezione da 500 gr di baccaletti Poggiolini pasta fresca

400 gr di pomodorini ciliegino, se non li trovate freschi usate quelli in barattolo vanno benissimo

1 cucchiaio scarso di Capperi sotto sale

1 spicchio di aglio

Olio evo qb

1/2 peperoncino secco

16 Olive taggiasche

Prezzemolo qb

½ bicchiere di vino bianco

Sale qb

Preparazione:

Mettete a dissalare i capperi per 20 minuti in un bicchiere di acqua,

in una padella fate rosolare con l’olio   l’aglio incamiciato ed il peperoncino quindi aggiungete gli steli del prezzemolo e sfumate con il vino bianco, aggiungete i pomodorini i capperi e fate cuocere per una decina di minuti, aggiungete le olive denocciolate, fate insaporire, spegnete.

Togliete l’aglio gli steli di prezzemolo.

Fate cuocere i baccaletti in acqua bollente per il tempo riportato nella confezione quindi scolateli e ripassateli con il condimento aggiungendo del prezzemolo tritato e servite.

Questo slideshow richiede JavaScript.