Blog

Cookies al burro e noci pecan

Se mi dovessero fare la famosa domanda “cosa vuoi fare da grande”?…risponderei senza indugio fare biscotti! Ahahah

A parte gli scherzi amo davvero biscottare, mi rende felice e mi rilassa.

I biscotti che vi propongo oggi sono golosamente ricchi di burro e se  siete amanti come me delle noci pecan li adorerete.

A casa mia hanno riscosso un enorme successo.  

 

 

Ingredienti per 35 biscotti

375 g di farina 00

250 gr di zucchero di canna scuro 

226 gr di burro 

175 gr di noci pecan

100 gr di zucchero semolato

1 Uovo grande + 1 tuorlo a temperatura ambiente

1 cucchiaino e ½ di vaniglia Bourbon del Madagascar

1 cucchiaino amido di mais

¾ cucchiaino bicarbonato di sodio

½ cucchiaino lievito per dolci in polvere

cucchiaino sale

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Preparazione:

Preriscaldate il forno a 175°C e rivestite una teglia con carta da forno.

Distribuite uniformemente le noci pecan sulla teglia e cuocete a 175 °C per 3-5 minuti, sfornatele, tritatele e mettetele da parte non spegnete il forno.

Sciogliete il burro e lasciate che si raffreddi prima di aggiungere gli zuccheri, altrimenti potreste scioglierli e rovinare l’impasto.

Mescolate gli zuccheri con il burro fuso fino a quando non saranno ben amalgamati.

Aggiungete le uova e la vaniglia poi mescolate bene infine quindi mettete da parte.

Miscelate gli ingredienti secchi in una ciotola separata: la farina, l’amido di mais, il bicarbonato di sodio, il lievito ed il sale ed aggiungeteli gradualmente agli ingredienti liquidi.

Unite anche le noci pecan e mescolate fino a che non si sono ben accorpate all’impasto.

Formate delle palline da 18 gr posizionatele a distanza di 5 cm l’una dall’altra su teglie rivestite di carta da forno, schiacciate le palline appiattendole con i rebbi di una forchetta delicatamente e cuocete per 10-12 minuti a 175°C. Lasciate raffreddare completamente i biscotti sulle loro teglie prima di gustarli.

 

Castagnole alla ricotta aromatizzate all’arancia

Le castagnole insieme alle frappe/ chiacchiere sono i classici dolci di Carnevale.

Facilissime da fare, ci vuole davvero poco, molto soffici e golose.

 Questa è la variante con la ricotta, senza burro ne latte, infatti la loro morbidezza è data proprio dalla ricotta,

e andiamo alla ricetta:

 250 Gr di ricotta di mucca

200 gr di farina 00

50 gr di maizena

50 gr di zucchero semolato

8 gr di lievito per dolci

1 uovo

La scorza di una arancia non trattata

Olio di semi di arachidi

 Zucchero per la decorazione

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Preparazione:

in una ciotola capiente lavorate con la forchetta la ricotta e lo zucchero, amalgamateli per bene.

Unite l’uovo e continuate a lavorare.

 Grattugiate  la scorza dell’arancia e mescolate.

Unite anche  le polveri precedentemente setacciate, mescolate bene  sempre con la forchetta in modo da ottenere un composto omogeneo e privo di grumi.

Avvolgete l’impasto nella pellicola e fate riposare per circa 20 minuti.

Trascorso il tempo di riposo dividere l’impasto in 4 pezzi, formate dei filoni e tagliate dei piccoli tocchetti tutti di 15 gr ,se li pesate saranno  tutti uguali e cuoceranno nello stesso  tempo.

Avvolgete tra le mani i pezzetti di pasta fino a creare delle sfere lisce e compatte.

Scaldate l’olio  alla temperatura di 165°/ 170°.

Immergete e cuocete 6 castagnole per volta, mescolatele spesso con la schiumarola, cosi facendo si cuoceranno in modo omogeneo, cuocetele per 3 minuti.

Quando sono ben dorate, scolatele,  adagiatele sulla carta assorbente, passatele ancora calde nello zucchero  fino a che ne sono avvolte completamente.

Potete servirle anche calde sono strepitose!

 

 

Biscotti “Principe” fatti in casa

Oggi vi propongo una nuova ricetta di Biscotti: i Principe fatti in casa.

Ve li ricordate? Sono biscotti famosi in Francia, di origini Belga che in Italia  hanno spopolato negli anni ’80 e ’90.

Una leggenda metropolitana narra che il Prince Fourré prese il nome dall’allora 26enne principe del Belgio, amante del cioccolato e che questo biscotto gli permettesse di assaporare il gusto del cioccolato senza sporcarsi le dita.

Biscotti composti da  due dischi di golosa frolla burrosa ripieni di ganache al cioccolato. 

Per me sono i biscotti che compravo quando ero ragazzina negli autogrill, li adoravo, finalmente ho trovato la ricetta e mi è sembrato bello realizzarli a casa facendo felici tutti coloro che li hanno gustati.

 

 

 

Ingredienti per 6 persone:

250 g di farina 00

150 g di burro

70 gr di zucchero a velo  

20 g di polvere di mandorle

1 cucchiaino di vaniglia in polvere bourbon del Madagascar

1 tuorlo d’uovo

1 pizzico di sale

150 g di cioccolato fondente

75 g di panna fresca

 

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Procedimento:

Versate nella planetaria con gancio K la farina setacciata, la polvere di mandorle, lo zucchero ed il burro fuso (freddo).

Azionate la planetaria fino ad ottenere un composto sabbioso, aggiungete il tuorlo d’uovo ed impastate per creare un impasto omogeneo, spegnete e avvolgete l’impasto nella pellicola trasparente e lasciate riposare in frigo per 1 ora.

Preriscaldate il forno a 180°C.

Stendete l’impasto ad uno spessore di 0,5 cm e ritagliate dei dischi utilizzando una formina tonda scanalata di 6 cm di diametro, adagiateli su una teglia ricoperta con carta da forno.

Bucherellateli con cura con un piccolo stuzzicadenti di legno o con i rebbi della forchetta.

Mettete in forno per 12 minuti monitorando la cottura, i biscotti dovranno risultare dorati.

La ganache:

Sciogliete il cioccolato e la panna a bagnomaria, fatela raffreddare ed addensare. Aiutandovi con un cucchiaino spalmate  la crema  al centro di un biscotto poi adagiatevi sopra con cura un altro biscotto senza far traboccare il cioccolato. Ripetete l’operazione fino ad esaurimento dei biscotti.

 

Pan d’arancia

Per Natale mi è arrivata dalla Calabria una cassetta di arance, clementine e mapi. Sto utilizzando questi frutti un po’ per le spremute ed un pò per la preparazione di marmellate,  liquori e dolci come in questo caso.

Il pan d’arancia è un dolce molto semplice, facilissimo e veloce da realizzare, in cottura sprigiona un intenso e meraviglioso profumo.

Si prepara con il frutto intero, è una torta morbida e umida, perfetta per la colazione e per la merenda.

 

 

 

Ingredienti per uno stampo da 22/24 cm:

450 gr di arance non trattate

300 gr di farina 00

160 gr di zucchero semolato

150 gr di olio di semi

4 uova medie a temperatura ambiente

16 gr di lievito per dolci

Sale un pizzico

Burro qb per imburrare lo stampo

Zucchero a velo qb

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Preparazione:

Nella planetaria o con lo sbattitore elettrico montate le uova con lo zucchero per dieci minuti poi versate l’olio a filo.

Lavate le arance e tagliatele a cubetti senza sbucciarle e frullatele nel mixer.

Versate le arance frullate nel composto a base di uova e amalgamate con la leccarda  tutto molto delicatamente con movimenti dal basso verso l’alto.

Aggiungete gli elementi secchi: farina e lievito precedentemente setacciati. Amalgamateli sempre con movimenti delicati dal basso verso l’alto infine unite un pizzico di sale fino.

Imburrate la tortiera, posizionate sul fondo un disco di carta da forno tagliato su misura facendolo aderire ed infine versatevi l’impasto.

Cuocete il dolce in forno statico preriscaldato a 180° per 60 minuti, per verificare la cottura  fate sempre la prova stecchino.

Toglietelo dal forno e quando sarà freddo sformatelo e cospargetelo con lo zucchero a velo.

 

Trenette con pomodorini, crudo di gambero rosso e stracciatella

Un piatto che ho preparato per la vigilia di Natale espressamente richiesto dalla mia Federica, la figlia di mio marito, un piatto che non avevo mai fatto e che ho risolto a modo mio. Infatti il risultato è stato un successone tanto che ho pensato di condividere la ricetta con voi.

Semplice da eseguire ma che richiede materia prima eccellente, io ho usato il gambero rosso di Mazzara del Vallo, pezzatura media in modo tale da servire le code intere e non a tartare.

Ora andiamo alla ricetta,

 

 

Ingredienti per 4 persone:

320 gr di trenette

250 gr di pomodori ciliegini (se non è periodo di pomodori freschi come in questo caso usate quelli in barattolo di vetro)

250 gr di stracciatella di burrata

16 gamberi rossi di Mazzara del Vallo abbattuti pezzatura media.

Olio qb

Sale qb

Pepe nero qb

Olio evo qb

Prezzemolo qb

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Procedimento:

Per prima cosa pulite i gamberi rimuovendo gli occhi e l’intestino, sgusciateli e mettete da parte le code che condirete con olio sale e pepe.

In una padella fate rosolare l’olio e l’aglio, quando sarà d’orato aggiungete le teste dei gamberi, sfumate col vino bianco, aggiungete i pomodorini, i gambi di prezzemolo, il sale e l’acqua. Lasciate cuocere per 15 minuti, spegnete e togliete le teste dei gamberi, lo spicchio di aglio ed i gambi di prezzemolo.

Cuocete le trenette in acqua bollente leggermente salata, scolate 2 minuti prima del termine e finite di mantecare in padella con un po’ di acqua di cottura.

Impiattate le trenette cercando di formare un “nido” e completate il piatto con con una cucchiaiata di stracciatella di burrata ed i gamberi.

 

Schwowebredele (tortini svevi)

Ogni anno sono alla ricerca di ricette tradizionali dal mondo ed ogni anno penso di aver trovato la ricetta più golosa di sempre.

Quella che vi propongo oggi è la ricetta dei Schwowebredele o Schwowebredala  detti anche “ tortini svevi ” sono nati in Germania, regione Svevia, oggi sono uno dei” bredele” (biscotti) indispensabili a Natale in Alsazia.

Sono i frollini svevi, deliziosamente friabili e burrosi, aromatizzati con agrumi e cannella.

Date ai biscotti la forma che preferite per renderli ancora più magici.

Una ricetta che ci ha conquistati e che da oggi riempirà le mie scatole di latta ogni anno.

 

 

Ingredienti:

400 gr   di farina 00

250 gr  di zucchero

250 gr di burro

200 gr di polvere di mandorle

100 gr di scorze d’arancia candita

3  tuorli 2 per l’impasto e  1 per dorare 

1 scorza di limone grattugiata

½ cucchiaino  di cannella

1 cucchiaio di latte

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Preparazione:

Tritate nel robot le scorze di arancia candita.

Nella planetaria con il gancio a k impastate il burro morbido, le farine, aggiungete i 2 tuorli, la cannella le scorze di arancia candita e lo zucchero.

Aggiungere poi la scorza di limone.

Lavorate l’impasto fino ad ottenere un composto omogeneo.

Avvolgere questo impasto nella pellicola trasparente e conservare in frigorifero per una notte.

Il giorno successivo tirate fuori l’impasto mezz’ora prima di stenderlo ad uno spessore di circa 7 mm.

Preriscaldate il forno a 180°C

Ritagliate l’impasto con stampini per biscotti di forme diverse.

Disponete i biscotti su una teglia precedentemente ricoperta con carta da forno.

Spennellate con il tuorlo e il latte sbattuti quindi cuocete in forno per 15 minuti a 180°C.

Conservate i biscotti in una scatola di latta, si conserveranno per 2 settimane!

 

torta quattro creme

Cosa c’è di più bello che ricevere per il proprio compleanno una torta golosa?

Questa cake è stato il  mio regalo di compleanno per una cara amica! ecco perché non vedrete la foto  della fetta come mio solito fare nella pagina ma la vedrete nella galleria del procedimento, sono riuscita a fare uno scatto al volo a candeline spente e fette in distribuzione. 

3 strati di Pan di Spagna ricoperti di crema una più golosa dell’altra: il primo strato cioccolatoso,  il secondo una crema diplomatica, il terzo un tripudio di crema pasticcera, diplomatica e chantilly ma andiamo alla ricetta:

 

 

 Ingredienti per il pan di spagna di 22 cm di diametro

Per il pan di spagna:

5 uova medie

75 gr di farina 00

75 gr di fecola di patate

100 gr zucchero

1 cucchiaino di vaniglia Bourbon del Madagascar in polvere

 Un pizzico di sale

Per la crema diplomatica:  

300 gr Panna fresca liquida 

200 gr Latte intero alta qualità 

3 Tuorli 

40 gr Zucchero 

15 gr Amido di mais (maizena) 

7 gr Gelatina in fogli 

 ½ cucchiaino di vaniglia Bourbon del Madagascar in polvere

Per la crema al cacao:

100 gr di cacao amaro

100 gr di zucchero

100 gr di burro

2 tuorli

Latte qb

Per la crema chantilly:

250 ml di panna fresca

30 gr zucchero a velo

La punta di un cucchiaino  di vaniglia Bourbon del Madagascar in polvere

Per la bagna:

200 ml acqua

100 g zucchero

1 scorza d’arancia o limone biologica 

 

 

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Preparazione:

 Per il pan di spagna:

Versate le uova nella planetaria munita di frusta, unite lo zucchero, la vaniglia, il pizzico di sale, montate per 10 minuti a velocità  media fino ad ottenere un composto spumoso e gonfia.

A mano con una leccarda, con un movimento dall’alto verso il basso, unite la farina e la fecola, il composto deve rimanere gonfio e spumoso.

Imburrate ed infarinate uno stampo a cerniera da 22 cm, versate il composto nello stampo e cuocete a 160° per 40 minuti circa.  Lasciatelo in forno spento per 10 minuti poi sfornatelo e fatelo raffreddare.

 Mettete in freezer una ciotola  e fatela raffreddare, mettete la gelatina in ammollo in acqua fredda.

 Preparate la crema pasticcera:

 portate a bollore in un tegamino il latte con la vaniglia, contestualmente in un altro tegame versate i tuorli, lo zucchero, l’amido di mais e mescolate con una frusta fino ad ottenere un composto omogeneo, versate 1/3 del latte nel composto di tuorli e mescolate infine versate il latte rimasto in altre due volte. Riportate sul fuoco, mescolando continuamente 

per pochi minuti fino ad addensare la crema. Togliete dal fuoco e mescolate con energia, in questo modo risulterà molto lucida, riprendete la ciotola dal freezer e versate la crema all’interno; prima di mescolare aggiungete la gelatina scolata e lavoratela rapidamente per farla sciogliere e allo stesso tempo far raffreddare la crema. Quando la crema non sarà più calda, trasferitela in frigorifero.

Per la crema diplomatica:

In una ciotola montate la panna, dovrà essere ancora molto morbida, semi montata, riprendete dal frigo la crema pasticcera, lavoratela con le fruste elettriche per farla ritornare morbida e lucida, lasciatene una parte e mettetela nella saccapoche per la decorazione finale. Aggiungete 1/3 della panna montata al resto della crema pasticcera, frustate velocemente il composto poi aggiungete la panna restante in altre due volte mescolando sempre con la frusta a mano ma più delicatamente.

Trasferite la crema in una saccapoche e mettetela in frigorifero.

Per la chantilly:

in una ciotola  versate la panna fresca liquida, aggiungete lo zucchero a velo  e la vaniglia, montate la panna con le fruste elettriche fino ad ottenere una consistenza piuttosto soda .

Trasferite all’interno di un saccapoche la metà della crema e ponete in frigo.

 Per la crema al cacao:

montate i tuorli con lo zucchero, unite il burro sciolto e poco alla volta aggiungete il cacao, all’occorrenza il latte, dovete raggiungere la consistenza nella nutella.

Fate la bagna:

Lavate bene l’arancia (o il limone), quindi pelatela ricavando solo la scorza.

Mettete in un pentolino l’acqua, lo zucchero e la scorza dell’agrume che avete scelto; scaldate a fuoco moderato, mescolando, fino a quando lo zucchero si sarà completamente sciolto.

Togliete dal fuoco, lasciate raffreddare poi eliminate la scorza.

Ricavate tre dischi dal pan di Spagna, inzuppate  con la bagna  il primo disco  poi  spalmate la crema al cacao aiutandovi con la spatola per pasticceri, poggiate sopra il secondo disco ed inzuppate anche questo con la bagna, aiutandovi con la saccapoche spalmate la crema diplomatica, livellatela con la spatola e  adagiate il terzo  disco che inzupperete sempre con la bagna, ricoprite la superficie della torta  con la crema diplomatica mentre i bordi  con la panna montata e lisciatela con la spatola.

Prendete le saccapoche dal frigo contenenti la crema pasticcera e la crema chantilly tagliate le punte e create delle strisce di ciuffi di crema, alternandole e distanziandole fra di loro come da foto o create la decorazione secondo la vostra fantasia.

Ponete in frigo fino al momento di servirla.

 

 

 

 

Tarte con ganache al cioccolato e doppio caramello

Mi sono innamorata di questa ricetta di Joelle Néderlants pubblicata su “la Cucina Italiana”, una ricetta da girone dei golosi.  Ho apportato però una piccola modifica, ho fatto il caramello salato ma, nella versione originale il caramello non lo è.

Il sale viene aggiunto alla fine in fiocchi come guarnizione.

Non è di facile esecuzione ma è stata una divertente sfida.

Un dolce davvero importante e credo che aver dato una nota di salato al caramello abbia cambiato e dato un carattere in più, la combinazione dolce, amaro e salato è davvero una combinazione esplosiva!

 Confesso che è la prima volta che faccio il caramello salato ed è stata subito passione. Mio figlio lo adora, lo utilizza ovunque sia possibile, lo mangia anche a cucchiaiate.

 

 

Ingredienti per uno stampo da crostata di 22 cm:

Per la  pasta frolla:

250 gr di farina 00

25 gr di polvere di mandorle

150 gr di burro

80 gr di zucchero

Pizzico di sale

1 uovo

Per il caramello salato:

250 gr di zucchero

215 gr di panna fresca

25 gr di burro

4 gr di sale in fiocchi 

Per la ganache:

150 gr di cioccolato fondente al 50%

180 gr di panna fresca

Per la crema pasticcera al caramello:

450 gr di latte

135 gr di zucchero

45 gr di maizena

5 tuorli

Preparazione:

Preparare la frolla, nella planetaria con il gancio a K o a foglia impastate il burro con lo zucchero, un pizzico di sale e le farine ottenendo un insieme sabbioso, unite l’uovo ed impastate fino ad ottenere un panetto omogeneo.

Avvolgetelo nella pellicola e lasciatelo riposare in frigo per almeno 60 minuti.

Trascorso il tempo stendete la pasta in uno strato di 6 mm e foderatevi lo stampo, rifilate i bordi e bucherellate il fondo. Foderatelo con carta da forno, copritelo con i fagioli secchi per la cottura in bianco e infornate a 180°C per 25-30 minuti.

Sfornate, togliete i fagioli e fate freddare.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Per il caramello:

Portate quasi a bollore la panna.
Versate lo zucchero in una casseruola dai bordi alti, aggiungete un cucchiaio di acqua.
Lasciate che lo zucchero si sciolga, non toccate nulla: quando vedete che lo zucchero inizia a fondersi mescolate delicatamente con un cucchiaio di legno. Poco a poco otterrete il caramello.
Quando sarà di un bel colore ambrato versate la panna ben calda e mescolate con una frusta: fate attenzione perché si formeranno molte bolle, molto vapore e il composto si gonfierà.
(Se lo zucchero cristallizzerà dopo l’aggiunta, continuate a mescolare fino a che si scioglierà di nuovo).
Quando il composto sarà omogeneo spegnete il fuoco e lasciate riposare qualche minuto.
Aggiungete il burro a cubetti ed i fiocchi di sale.
Mescolate bene e lasciate intiepidire.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per la ganache: spezzettate il cioccolato versatevi la panna calda e mescolate finché il cioccolato non sarà sciolto.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Per la crema al caramello:

Fondete 120 gr di zucchero in una casseruola e quando inizia a colorirsi stemperatelo con il latte caldo, in una ciotola sbattete i tuorli con lo zucchero rimasto e la maizena poi versate il latte caldo al caramello.

Riportate sul fuoco e cuocete fino a che non si addensa la crema.

Coprite la crema con la pellicola, adagiandola su di essa a contatto in questo modo non si formerà la pellicina. Lasciate raffreddare la crema e spostatela in frigo fino ad almeno 3 ore prima di adoperarla. Al momento dell’utilizzo, versate la crema in una ciotola, sarà bella densa, mescolate energicamente con una frusta a mano (o come ho fatto io con le  fruste elettriche) per farla tornare morbida, cremosa e pronta per l’utilizzo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Spalmate uno strato di caramello nella torta e mettetela a riposare in frigo per 45 minuti. Trascorso il tempo versatevi la ganache e lasciate riposare per 6 ore, completate la torta al momento di servirla con la crema pasticcera al caramello.

Vellutata di sedano rapa e patate con emulsione di aglio nero e zucca croccante

Un piatto che nasce durante la camminata di ieri a villa Pamphili (lo dico sempre che camminare all’aria aperta fa bene ahahahahaha), avevo in mente di fare una nuova ricetta con il sedano rapa ed associarla al gusto che amo tanto dell’aglio nero e credo davvero di aver centrato l’obiettivo. Il gusto delicato di nocciola del sedano rapa sposa davvero bene con il sapore deciso ed intenso dell’aglio nero a chiudere il piatto la croccantezza della zucca cotta in forno.

Un piatto che scalda il cuore, un vero comfort food perfetto in questo periodo ed anche molto elegante.

 

 

Ingredienti per 4 persone:

Per la crema di sedano rapa e patate:

1 sedano rapa

250 g Patate

1,2 l Acqua

4 rametti si  rosmarino

Olio evo qb

Sale qb

Pepe qb

Per l’emulsione:

4 spicchi di aglio nero

50 ml di acqua

30 gr di olio evo

Sale qb

Pepe qb

Per i cubetti di zucca:

400 g zucca  

2spicchio d’aglio

40 gr di olio evo

60 gr di pangrattato

Foglie di origano fresco qb

Sale qb

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Preparazione:

Per l’emulsione di aglio nero: sbucciate gli spicchi d’aglio e metteteli nel bicchiere del frullatore ad immersione assieme a qualche cucchiaio di olio e al mezzo bicchiere d’acqua tiepida.

Per la vellutata di sedano rapa e patate: pulite il sedano rapa, eliminate la buccia e lavatelo bene. Tagliatelo a cubetti abbastanza piccoli.

Pelate le patate e tagliatele a cubetti di dimensione simile a quelli di sedano rapa.

Sbucciate e affettate finemente la cipolla.

In una casseruola fate rosolare la cipolla, le patate ed il sedano rapa, unite l’acqua e portate a bollore, abbassate la fiamma e coprite lasciando cuocere a fuoco lento per 20 min circa infine frullate il tutto.

Per i dadini di zucca croccante:  

Pulite e togliete la buccia, in una ciotola mescolate i dadini di zucca, l’aglio, l’olio, il pangrattato l’origano e il sale. Sistemateli su una placca foderata con carta da forno.

Cuocete nella parte inferiore del forno preriscaldato a 200 °C per 45 minuti.

Impiattate la crema ben calda, poggiatevi sopra i dadini di zucca croccanti e distribuite con un cucchiaino qualche goccia qua e la di emulsione di aglio nero e servite.

 

Crostata con frolla alle mandorle e confettura di fragole

Questa crostata ha come guscio la frolla alle mandorle che ho trovato su una rivista del settore, l’ho voluta sperimentare e me ne sono innamorata. Ho usato la mia confettura di fragole che ne ha esaltato il gusto.

Ingredienti per uno stampo da crostata da 22 cm

250 gr di farina 00

25 gr di “ farina” di mandorle

150 gr di burro freddo

80 gr di zucchero

1 uovo

1 pizzico di sale

Un barattolo di confettura di fragole  da 330 gr io ho usto la mia  https://pentoleepennelli.it/confettura-di-fragole-favetta/

 

 

Preparazione:

Nella planetaria con il gancio a K o a foglia impastate il burro con lo zucchero, un pizzico di sale e le farine ottenendo un insieme sabbioso. Unite l’uovo ed impastate fino ad ottenere un panetto omogeneo.

Avvolgetelo nella pellicola e lasciatelo riposare in frigo per almeno 60 minuti.

Imburrate ed infarinate lo stampo, stendete l’impasto fino ad ottenete uno strato di 6 mm, foderate lo stampo, bucherellate con i rebbi della forchetta il fondo e rifilate i bordi.

Versate e livellate la confettura, stendete l’impasto rimanente, se preferite usate il taglia biscotti a forma di stella per decorare la crostata oppure fate le classiche strisce.

Ponete la crostata in frigo fino a quando il forno avrà raggiunto il calore: così facendo la crostata manterrà una forma perfetta in cottura.

Infornate a forno preriscaldato a  180 ° e cuocete per 30/35 minuti.

Sformatela una volta fredda.