Blog

Bastoncini mandorlati al vino rosso

Semplici e gustosi, impastati con olio e vino, aromatizzati con l’anice e arricchiti con mandorle e nocciole tritate, i mandorlati al vino rosso, sono uno dei miei dolci del cuore, assaggiati per la prima volta quasi 18 anni fa a Sabaudia e legati a tanti momenti davvero molto belli. Sgranocchiati nella casa al mare sul dondolo durante la visione di film fino alle 2 del mattino con la mia Federica (la figlia di mio marito) nelle sere d’estate o durante una partita di scala quaranta.

Attenzione: creano dipendenza.

 

 

ingredienti:

250 g di farina 00

250 g di farina 0

165 g di zucchero semolato

165 g di buon vino rosso corposo

125 g di olio extravergine d’oliva

70g di mandorle pelate

50 g di zucchero di canna semolato per la finitura

40 g di nocciole pelate

8 g di sambuca

4 g di lievito istantaneo

4 g di semi di anice

3 g di cacao amaro in polvere

1 pizzico di sale

 

 

Preparazione:

Tostate le mandorle e le nocciole in forno preriscaldato a 150° per 10 minuti.

Fate raffreddare e tritate grossolanamente al coltello sia le nocciole che le mandorle poi mettetele da parte.

Nella ciotola della planetaria riunite le farine, il cacao ed il lievito setacciati, lo zucchero, i semi di anice ed il sale infine mescolate il tutto.

In un contenitore alto e stretto riunite il Vino, l’olio, la sambuca e mescolateli con un cucchiaio. Avviate la planetaria con il gancio a foglia a velocità minima e versate a filo il composto di vino, olio e sambuca.

Quando l’impasto comincia a prendere corpo aggiungete un po’ per volta la frutta secca tritata e lasciate che si amalgami al resto poi trasferite il composto su un piano di lavoro e lavoratelo brevemente a mano, avvolgetelo nella pellicola e fatelo riposare in frigorifero per 30 minuti.

Trascorso il tempo staccate dei pezzetti dall’impasto e formate dei bastoncini

dovranno essere lunghi 10 cm ed avere lo spessore di un mignolo, poggiateli nella placca da forno rivestita da carta da forno cuoceteli a forno ventilato e preriscaldato a 175° per 25 minuti, poi aprite lo sportello del forno lasciando uno spiraglio e proseguite per altri 5 minuti e sfornate.

Con questa dose ho riempito 2 placche da forno ed una teglia rettangolare media.

Il forno ventilato vi permetterà di cuocere le placche contemporaneamente.

 

Vellutata di sedano rapa e ricotta

La vellutata di sedano rapa è un primo piatto leggero e saporito, semplicissimo da preparare e perfetto per chi come me segue un’alimentazione “Cheto”  o comunque una alimentazione leggera senza per questo dover rinunciare al gusto. E’ un piatto vegetariano!

Da tempo meditavo di preparare una ricetta con questo tubero e mi credete che mi ero sempre rifiutata per il suo bruttissimo aspetto?

Pensate che lo associavo ad un gigantesco acaro albino e quindi non l’ho mai considerato veramente commestibile.

Mi chiedo: Cosa mi sono persa fino ad oggi?

 Il sedano rapa ha un gusto davvero squisito fresco gustoso e saporito!

 

 

Le dosi che riporto sono quelle per la mia dieta…quindi per 1 persona:

200 g di Sedano rapa

90 g di ricotta di mucca

20 g cipolla d’orata

30 gr di nocciole tostate

15 g di olio evo

1 foglia di salvia

Sale qb

Pepe qb

 

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Preparazione:

Tagliate e pesate il sedano rapa, eliminate le parti terrose con un coltello molto affilato, pelatelo con un pela patate e tagliatelo a fette spesse poi riducetelo a cubetti e ponetelo in una casseruola, aggiungete la cipolla affettata e coprite con acqua ed infine salate.

Cuocete per 15/20 minuti o fino ad intenerire il sedano rapa.

Frullate con il minipimer ed aggiungete la ricotta, deve diventare una crema liscia.

Versate nel piatto ed aggiungete l’olio e le nocciole schiacciate a coltello ed una macinata di pepe nero.

bon appetit

 

Plumcake mascarpone limone e semi di papavero

Una ricetta  che mi ha dato  la mia amica Emmanuel che arriva dritta dritta dalla Svizzera ed io come al mio solito, ho riadattato secondo i miei gusti e le mie necessità.   

Nasce per smaltire prima che scadesse il mascarpone che ho sostituito al burro, ingrediente utilizzato nella ricetta originale.

Un plumcake profumato al limone, perfetto per la colazione, buono da solo ma anche inzuppato nel latte. Che dirvi… era per 12 porzioni ed invece in due mattine è stato divorato.

 

 

Un dato non trascurabile è la combinazione semi di papavero e limone.

Ingredienti per uno stampo da plumcake di 30 cm (12 porzioni):

360 g farina bianca

360 g di zucchero

180 g yogurt bianco

150 g di mascarpone

20 g di semi di papavero

3 uova

8 g di lievito per dolci

1 cucchiaino di polvere vaniglia bourbon dal Madagascar

la scorza grattugiata di 1 limone bio

1 presa sale

Preparazione:

 

 

 

Imburrate ed infarinate lo stampo.

Lavorare il mascarpone, lo yogurt, i semi di papavero, lo zucchero, la vaniglia, la scorza di limone, il sale e le uova con le fruste dello sbattitore elettrico per ca. 5 min. fino a ottenere un composto chiaro.

Setacciate la farina con il lievito, unite il tutto al composto. Mettere il composto nello stampo ed infornate a 180° per 60 minuti.

 

Biscotti con farina di lenticchie noci pecan e cioccolato

 

E’ la prima volta che uso la farina di lenticchie per fare i dolci, da tempo meditavo di utilizzarla, ho preso spunto da una ricetta che ricetta non è perché impossibile da realizzare, in corso d’opera ho dovuto inserire ingredienti che non erano previsti ma indispensabili per la buona riuscita.

La ricetta doveva essere vegana ma che per gioco forza è diventata vegetariana..

Ragazzi miei che sorpresona questi biscotti!!! Perfetti per la colazione o come spezza fame, sani leggeri e ricchi di fibre.

 

 

 

Ingredienti per 22 biscotti

300 gr di farina di lenticchie rosse

90 gr di zucche di canna

80 ml di olio di arachidi

50 gr di farina di mandorle

50gr di cioccolato fondente ( o gocce di cioccolato)

50 gr di noci pecan

50 ml di acqua  

1 uovo

1 albume  

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

 

 Procedimento:

  Tritate le noci pecan grossolanamente, fate la stessa cosa con il cioccolato.

Nella planetaria unite la farina di lenticchie, la farina di mandorle, lo zucchero, l’uovo, l’albume e l’olio, azionate la planetaria con il gancio K ed iniziate ad impastare, unite a filo l’acqua ed infine le noci ed il cioccolato.

Quando otterrete un panetto omogeneo, copritelo con la pellicola alimentare e ponetelo in frigo per 2 ore.

Trascorso il tempo stendetelo tra due fogli di carta forno in una sfoglia di circa 5 mm, realizzate i biscotti con un coppa pasta o con una formina taglia biscotti.

Cuoceteli a 170°C per circa 15/ 20 minuti.

Fateli raffreddare prima di servirli

 

Muffin di zucca con mele e noci pecan

Sempre alla ricerca di ricette sfiziose, golose e se mi permettete… leggere!

Questi muffin sono esattamente tutto ciò!

Perfetti per la merenda e per gli amici vegetariani.

Serviti tiepidi si apprezzeranno di più.

 

 

Ingredienti per 6 muffin:

225 gr. di zucca al netto degli scarti

90 gr. di farina di tipo 2

85 gr. di miele millefiori

30 gr. di noci pecan

2 uova

una mela

8 gr. di lievito per dolci

la punta di un cucchiaino di Cannella

  un pizzico di noce moscata

mandorle a lamelle  per decorare

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Preparazione:

Per prima cosa tostate le noci in forno caldo a 150 gradi per 15 minuti, pelate e lavate la zucca, riducetela a tocchetti e cuocetela in forno statico preriscaldato a 180°C per 30 minuti circa, deve essere morbida ed asciutta.

Riducetela a purea omogenea con il minipimer e ponetela in una ciotola.

Unite alla zucca le uova, il miele, le noci tostate e tritate al coltello, le spezie, la farina ed infine il lievito.

Amalgamate bene tutti gli ingredienti fino a ottenere un composto liscio. Pulite le mele, privatele della buccia, grattugiatele finemente e incorporatele al composto. Distribuite l’impasto nei pirottini per muffin, decorate la superficie con qualche lamella di mandorle e infornate a 180°C per 30/40 minuti, fino a che non risulteranno dorati.
Lasciate intiepidire e servite.

 

Parfait di pistacchio

Il parfait di pistacchio è un dolce freddo al cucchiaio, realizzato con panna, uova, zucchero e pistacchi.

Una golosa variante di quello alle Mandorle https://pentoleepennelli.it/parfait-di-mandorle/  .

Un dolce golosissimo, elegante che farà impazzire tutti gli amanti del pistacchio.

Essendo un dolce senza cottura procederemo alla pastorizzazione dei tuorli a 121°.

 

 

Ingredienti per   8 /10 persone ( Potete usare uno stampo da pluncake 30×11 ho una tortiera a cerniera con diametro di 20 cm)

Panna fresca: 500 g

Panna vegetale: 250 g

Zucchero a velo: 170 g

Pistacchi: 150 g

5 tuorli

25 ml di acqua

Per la salsa al cioccolato

Panna fresca da montare 100 ml

Zucchero a velo: 10 g

Cioccolato fondente: 100 g

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Procedimento

Tuffate i pistacchi in acqua bollente per 1 minuto, adagiateli su un panno asciutto, si spelleranno con facilità.

Metà tritateli a granella, l’altra metà frullateli a farina con 20 gr di zucchero.

Separate i tuorli dagli albumi e versateli all’interno di una ciotola a bordi alti.

Servendovi delle fruste elettriche, montate i tuorli con metà della dose di zucchero (75 g) finché risulteranno spumosi.

In un pentolino preparate lo sciroppo per la pastorizzazione unite il rimanente zucchero all’acqua e ponetelo sul fornello a fuoco medio.

Mescolate bene lo sciroppo e quando avrà raggiunto la temperatura di 121 °C levatelo dal fuoco e versatelo ancora caldo sul composto di tuorli e zucchero.

Se utilizzate tuorli già pastorizzati potete saltare questo passaggio.

Se non avete un termometro, basta aspettare che in superficie si formino delle bolle medio-grandi.

Riprendete le fruste per montare lo sciroppo e i tuorli, finché il composto non assumerà una consistenza liscia ed omogenea.

Montate le due panne, iniziate ad accorpare lo zabajone con la granella e la farina  di pistacchi, poi pian piano con una leccarda e con movimento dall’alto verso il basso unite la panna.

Foderate con la pellicola lo stampo che avete scelto, versate il composto e mettetelo in freezer per almeno 8 ore.

Per la salsa al cioccolato:

Sciogliete in un pentolino il cioccolato insieme a 100 ml di panna, mescolate fino ad ottenere una salsa lucida, versatela calda sul parfait.

Decorate con della granella di pistacchi.

 

Biscotti integrali all’avena

Biscotti leggeri ma allo stesso tempo golosi, di facile esecuzione ma soprattutto sani e genuini perché farli a casa è sigillo di garanzia. Scegliete gli ingredienti personalmente, io ho usato quelli biologici.

Se decidete di usare i cereali integrali devono essere rigorosamente biologici perché nel loro germe si accumulano le sostanze potenzialmente nocive, quindi seguite il mio consiglio.

 

Ingredienti per 24 biscotti con diametro di 6 cm:

110 gr di fiocchi di avena

100 gr di farina integrale

60 gr di latte (4 cucchiai)

50 gr di olio di semi di arachidi

30 gr di zucchero di canna

20 gr di miele, io ho usato quello di Sulla

8 gr di lievito per dolci

un pizzico di sale

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Preparazione:

Nella planetaria con il gancio K ponete tutti gli ingredienti ed impastate fino a quando si forma un composto compatto.

Togliete l’impasto dalla planetaria e avvolgetelo con la pellicola e fatelo riposare in frigo almeno per un’ora.

Trascorso il tempo, spolverizzate il piano lavoro con la farina integrale e stendete l’impasto con il mattarello ad uno spessore 4/5 mm.

Coppate con un coppa-pasta i biscotti  ponendoli nella placca rivestita con carta da forno, cuocete a 180° per 10/12 minuti (dipende dal vostro forno)…si dovranno dorare.

 

Farinata Umbra

Questa farinata è di fatto una polentina di farina fumetto e farina di grano saraceno cotta per 45 minuti su fuoco e un’altra mezz’ora in forno.

  Una ricetta che ho trovato in un numero vecchissimo di “cucina moderna”, come sempre accade cerco altre fonti sul web per conoscere meglio la storia della ricetta o se ci sono delle variazioni o altre versioni, ma per questa ricetta ho trovato solo un’altra fonte, un sito che non è più attivo dal 2013 che riporta la stessa identica ricetta e solo un commento che fa apprezzamenti e sostiene che in alcune zone la ricetta viene chiamata schiacciata.

Una ricetta che mi ha intrigata tantissimo che tiene ancora accesa la mia curiosità che non è stata soddisfatta dalle inesistenti notizie sulle sue radici.

Se avete il kenwood cooking chef o il bimby consiglio di usarli per la prima cottura, 45 minuti di mescolamento continuo sono faticosi.

Servitela tiepida, è più buona. Come aperitivo è perfetta!

 

 Dosi per 4 persone

75gr di farina di mais

75 gr di farina di grano saraceno

750 ml  di latte scremato o parzialmente scremato

60 gr di pecorino grattugiato

2 uova e 2 tuorli

20 gr di burro

1 cucchiao di pasta di tartufo

1 rametto di rosmarino fresco

Sale qb

 Pepe qb

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Preparazione:

Lavate il rosmarino, staccate gli aghi dai rametti, tritateli finemente con un coltello.

Versate il latte in una pentola con 1 pizzico di sale, portate a bollore.

Versate le due farine a pioggia continuando a mescolare con una frusta a mano prima e poi con un cucchiaio di legno, in questo modo evitate grumi.

Incorporate il pecorino, continuando a mescolare.

Lasciate cuocere 45 minuti continuando a mescolare.

Togliete dal fuoco ed incorporate i 4 tuorli, mescolando bene; procedete solo quando il tuorlo è ben amalgamato.

Montate a neve ferma i 2 albumi incorporateli al composto, aggiungete il rosmarino, la pasta di tartufo e una generosa macinata di pepe nero.

Mescolate bene per due minuti.

Imburrate uno stampo quadrato grande 20×20, alto circa 5 cm, versatevi il composto in modo uniforme.

Cuocete per 30 minuti in forno preriscaldato a 180°, sfornate e fate intiepidire, sformate e tagliatela a quadrotti.

Servite!

 

 

 

Spaghetti con tartare di gambero rosso e zafferano

Uno spaghetto  con il gambero rosso che ci ha accompagnati in tutte le nostre vacanze estive del 2022 protagonista di molte cene conviviali.

Credetemi se vi dico che è una esplosione di gusto, arrivano tutti i sapori, lo zafferano il gambero e la freschezza delle zeste di limone.

Per fare questo piatto il gambero deve essere freschissimo e non decongelato, importante è che le teste non sappiano di ammoniaca, diversamente il risultato sarebbe pessimo!

Ingredienti per 4 persone:

800 gr di gambero rosso freschissimo

320 / 400 gr di spaghetti

1 spicchio di aglio

1 peperoncino secco

1 bustina di zafferano o 1 cucchiaio da tè  di zafferano in pistilli

Sale qb

Vino bianco qb per sfumare

Pepe nero  qb

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Preparazione:

Pulite  i gamberi, sgusciateli e  rimuovete  il budellino nero, staccate le teste e mettetele da parte infine tritateli molto grossolanamente.

In una padella fate rosolare lo spicchio di aglio, il peperoncino con l’olio evo, quando l’aglio si sarà d’orato aggiungete le teste di gambero e fatele rosolare, sfumate con il vino bianco e schiacciate con un cucchiaio le teste.

Quando il vino evapora spegnate e togliete le carcasse delle teste, cuocete gli spaghetti al dente, in un bicchiere sciogliete lo zafferano con un mestolo di acqua di cottura della pasta.

Scolate gli spaghetti  con un prendi spaghetti 3 minuti  prima del tempo riportato nella confezione, nella padella che avete rimesso sulla fiamma versate l’acqua con lo zafferano e continuate la cottura della pasta aggiungendo ancora l’acqua di cottura della pasta fino a terminare la cottura, spegnate ed aggiungete  i gamberi tritati  grossolanamente e una generosa grattata di scorza di limone,  mantecate velocemente  ed impiattate la pasta ultimando la preparazione  con una macinata di pepe nero.

 

 

Insalata di pasta con bresaola rucola e petali di parmigiano

Bresaola e rucola un classico estivo almeno per me.

Adoro questo piatto, fresco e delicato.

In versione insalata di pasta l’ho scoperta nei primi anni 2000 in un buffet d’ufficio e la trovai deliziosa, da qual momento è diventata tra le mie paste fredde preferite, un piatto unico.

Negli anni ho apportato qualche piccola modifica che ha conferito al piatto un po’ di freschezza in più…cosa? una bella grattugiata di zeste di limone.

Quest’anno che il caldo è ancora più prepotente  la sto preparando con più frequenza e quindi perché non condividerla con voi?

Ingredienti per 4 persone:

320 gr di pasta integrale ( ho usato le mezze penne)

180 gr di bresaola

100 gr di parmigiano o grana padano

50 gr di rucola

 gr di olio evo qb io ne ho usato 40 gr

1 limone non trattato

Sale qb

Pepe nero qb

 

 

Preparazione:

Fate cuocere la pasta per il tempo riporta in confezione, scolatela e passatela sotto all’acqua fredda in modo da fermare la cottura, scolatela nuovamente e mettetela in un’insalatiera.

Tagliate a striscioline o spezzettate la bresaola.

Con un pela patate o una mandolina affettate in petali il parmigiano.

Unite nell’insalatiera la bresaola, la rucola ed il parmigiano, condite l’insalata  con l’olio extravergine di oliva ed il succo di limone.

Terminate con una spolverata di pepe nero appena macinata, e la grattugiata di zeste di limone.