Blog

Polpo grigliato con patate e asparagi croccanti

Adoro il polpo ma è la prima volta che lo cucino grigliato c’ho provato… ed il risultato è stato fantastico!!!

Ingredienti per 4 persone:

1 kg di polpo

4 patate medie

Un mazzetto di asparagi selvatici

Pepe qb

Olio evo qb

Un limone

Un mazzetto di origano fresco

Sale qb

 

Preparazione:

Riempite una pentola alta con acqua, portate a bollore.

Pulite il polpo, lavatelo bene sotto l’acqua corrente, eliminate gli occhi, le viscere contenute nella sacca ed il becco.  Non appena l’acqua bolle, calate il polpo tenendolo per la testa; alzatelo e calatelo velocemente due o tre volte per far arricciare i tentacoli infine copritelo e cuocetelo per 20 minuti.

Spegnete e fatelo raffreddare nella sua acqua di cottura.

Tagliate il polpo: mettete la testa da una parte, dividetela in 4 parti poi tagliate i tentacoli e singolarmente per poi disporre il tutto in una pirofila.

Preparate ora la marinatura:

Spremete in una terrina il limone ed aggiungetevi l’olio evo, circa 40 gr, una manciata di foglie di origano fresco ed il sale, irrorate con la marinatura il polpo e coprite con la pellicola quindi ponete in frigo per mezz’ora.

Lessate con tutta la buccia le patate in acqua salata. Quando sono cotte scolatele, pelatele e tagliatele a dadini.

Pulite e tagliate le punte degli asparagi, lessate le punte molto croccanti, scolatele e ponetele per qualche secondo sul ghiaccio cosi conservano il loro colore verde vivo.

Scaldate la piastra ed uscite dal frigo il polpo, quando la piastra è rovente, ponetevi i tentacoli e la testa con l’origano e cuoceteli 4 minuti per ogni parte irrorando con la marinatura.

Per ogni piatto disponete in parti uguali le patate, adagiatevi i tentacoli e le punte degli asparagi (come da foto) infine irrorate con olio, origano fresco ed una spolverata di pepe nero macinato all’istante.

E poi gnamm!!!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Risotto con zucchine, carne e zafferano

Questo risotto è il frutto di un meraviglioso fine settimana nella mia amata Umbria. Ho utilizzato ingredienti genuini: la carne di vitello e la salsiccia dell’agriturismo della mia amica, lo zafferano di città della pieve ed il riso carnaroli bio.

 

Ingredienti per 4 persone:

Riso carnaroli 320 gr

1 salsiccia

250 gr di carne di vitello

Zafferano 0,10 gr

7 zucchine romanesche medie

½ bicchiere di vino bianco secco

½ cipolla

 1 litro di brodo vegetale

50 gr Parmigiano 30 mesi

50 gr Burro

Sale qb

Preparazione:

Lavate e tagliate a cubetti le zucchine, fatele appassire con olio ed un cucchiaio di acqua poi spegnetele ancora al dente.

Fate il brodo vegetale con una cipolla, una costa di sedano ed una carota.

Affettate la cipolla e fatela rosolare in una padella, unite la carne macinata e la salsiccia, fate rosolare per bene e sfumate col vino bianco quindi portate a cottura ed infine spegnete.

In un tegame, fate tostare a secco il riso quindi iniziate ad aggiungere in brodo, a metà cottura unite la carne e continuate a cuocere aggiungendo il brodo, 10 minuti prima di finire la cottura unite le zucchine ed a 5 minuti lo zafferano, terminate la cottura del riso rispettando i tempi di cottura riportati sulla confezione.                  

 A fuoco spento mantecate col burro ed il parmigiano, se vi piace, servite con una spolverata di pepe nero.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Calamari ripieni di carciofi

Una ricetta leggera, saporita e tanto profumata.

Dosi per una persona:

 200 gr calamari ( due )

3 cuori di carciofi

10 gr di olio evo

Ciuffetto di prezzemolo

 Ciuffetto di mentuccia

 3 rametti di timo limonato

 1 spiccio di aglio

 40 ml di vino bianco

1 porro

 Sale qb

 

 Preparazione

Lavate e staccate i tentacoli e le alette ai calamari, sminuzzateli con il coltello insieme al timo limonato e la  mentuccia.

Affettate i cuori dei carciofi e poneteli in una padella, aggiungete il vino bianco, lo spicchio d’aglio, il   prezzemolo; coprite e stufateli per 10-12’ quindi scoperchiate e lasciate evaporare tutto il liquido, salate e lasciate rosolare per meno di 1’ poi aggiungete i tentacoli sminuzzati dei calamari, mezzo mestolino di acqua, coprite nuovamente e cuocete per altri 10’ a fuoco medio.

Spegnete e fate freddare, riempite i calamari con la farcia, senza lasciare vuoti nel ripieno.

Affettate e lavate il porro, adagiate i calamari a freddo nella padella con un cucchiaio di olio, il porro e fate cuocere a fuoco vivo, girate i calamari non appena cominciano a sbianchirsi, poi proseguite la cottura smuovendoli e girandoli fino a terminare la cottura dei porri.

Spegnete, copriteli e lasciateli intiepidire.

Questo slideshow richiede JavaScript.

polentina morbida di cannellini e grano saraceno con fave porro e broccoletti

Ogni tanto mi piace cucinare vegano e questa ricetta lo è.

Come tutte le ricette di questa rubrica è molto leggera con pochi grassi e con calorie bilanciate.

 

La dose per una persona:

150 gr di cannellini bio in vasetto di vetro

Un cucchiaio di grano saraceno

30 gr di fave fresche

200 gr di broccoletti romani

10 gr di porro

Olio 10 gr

Pepe nero qb

Preparazione:

Togliete le fave dal baccello e scottatele in acqua bollente fino a che non diventano tenere,

scolatele e fatele freddare prima di sbucciarle.

Lavate i broccoletti e scottateli per 3 minuti in acqua bollente e scolateli poi lavate e tagliate a rondelle il porro.

In una padella antiaderente versate 5 gr di olio e fate rosolare per 5 minuti il porro, i broccoletti e le fave.

Cuocete i cannellini con mezzo cipollotto ed acqua calda, quindi frullate, aggiungete la farina di grano saraceno e con la frusta girate ed amalgamate in modo che non si creino grumi, dovete ottenere una polentina di media densità.

Impiattate la polentina ed adagiatevi sopra le fave, i broccoletti ed il porro, completate il piatto con i 5 gr di olio rimanenti e una spolverata di pepe appena macinato.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Crocchette di Tacchino al profumo mediterraneo

Questa è una ricetta sfiziosa sfiziosa, può essere un secondo o può essere servita come aperitivo.

Ho usato due ingredienti a me familiari e cari l’origano fresco e la scorza di limone.

 

 Ingredienti per 4 persone

Petto di Tacchino 400 g

Mollica di pane raffermo 100 g

Uova 3 di cui 1 per la panatura

Grana padano 40 gr

Buccia di ½ limone

Origano fresco 3 rametti

Olio extravergine 40 gr

Noce moscata qb

Sale qb

Pepe nero qb

Olio di semi di arachidi 600 ml

Farina di mais fumetto 3 cucchiai

Farina di mais classica 3 cucchiai

 

Preparazione

Ammollate il pane nel latte tiepido per 10 minuti

Togliete le parti grasse del tacchino, lavatelo ed asciugatelo.

In una padella scaldate l’olio e rosolatevi per alcuni minuti il tacchino insieme all’ origano fresco,

togliete dal fuoco e fate freddare quindi macinate nel mixer.

Trasferite il tacchino macinato in una grande bowl insieme alla mollica di pane ben strizzata, le uova, il grana, il prezzemolo, la noce moscata, il sale, il pepe, l’ origano fresco tritato, la scorza del limone grattugiata, impastate bene tutti gli ingredienti.

Formate con le mani umide le crocchette, (per ogni crocchetta un cucchiaio di impasto) che passerete nulla farina di mais fumetto (a grana molto fine).

Battete l’uovo in un piatto e ripassatevi le crocchette infarinate quindi passatele nella farina di mais classica.

Ho fatto la doppia panatura ma se non vi piace la croccantezza della seconda panatura fermatevi alla prima.

Friggete le crocchette in abbondante olio, fino a farle dorare, servitele calde.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Muffin alle carote viola gluten free

Il mondo del gluten free mi appassiona sempre di più, mi piace l’idea di poter cucinare qualcosa di buono anche a chi è celiaco o intollerante al glutine.

Ingredienti per 7 muffin

175 g di carote viola

75 g farina di riso

50 g farina di mandorle

25 g fecola di patate

60 ml olio di semi

50 g di zucchero

1 tuorlo

1 uovo

0,5 g di vaniglia bourbon del Madagascar in polvere o mezzo baccello 

Scorza di un limone

Preparazione:

Pelate le carote, tritatele con un mixer.

Montate le uova con lo zucchero fino ad ottenere un composto chiaro e spumoso.

Aggiungete le carote tritate, le farine ed il lievito setacciati, la polvere di vaniglia, la scorza di limone grattugiata ed infine l’olio.

Fate riposare il composto a temperatura ambiente, circa 15 minuti, cosi facendo il colore della carota si amalgama con gli altri ingredienti.

Rivestite con i pirottini lo stampo da  muffin e versate il composto aiutandovi con un cucchiaio.

Ricordatevi di lasciare 1cm di bordo cosi i muffin nel gonfiarsi non fuoriescano.

 Portate il forno alla temperatura di 180° e cuocete per 25 minuti, 15 minuti a 180° e 10 a 170°, sfornateli dopo 5 minuti dallo spegnimento e fate freddare, serviteli con zucchero a velo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Pane di Pasqua al Formaggio di Maria

Credo sia stata la prima ricetta che ho realizzato delle innumerevoli prelibatezze della mia carissima amica

Chef e pasticcera Maria Castellano, questa ricetta la potete trovare nei suoi libri “Pane & co” edito da “bibliotheca culinaria” e  “Mamma adesso cucino io” con le ricette del Gufo.

 Ingredienti per uno stampo da plumcake da 22 x 9 x 6,5

Lievitazione 2 ore

Tempi di cottura 55 minuti

Tempo di preparazione 40 minuti

 

500 g di farina 00

80g di Pecorino romano

75 g Parmigiano reggiano

70 g di strutto

70 g di burro

70 g di lievito di birra

50 g di Gruyère

10 g di sale

5 uova intere

Pepe nero in grani

½ bicchiere di acqua

 

Preparazione

Versate l’acqua in una casseruola. Macinate il pepe direttamente nell’acqua, portate ad ebollizione e poi raffreddate.

In una casseruola più capiente, unite le uova sbattute, lo strutto, il burro, i formaggi grattugiati e l’acqua   con il pepe e scaldate a bagnomaria. Fate attenzione che il composto non raggiunga gli 82°C, si correrebbe il rischio che le uova si rapprendano.

Aggiungete alla miscela calda il lievito sbriciolato, amalgamate bene e unite il sale, poi versate il tutto sulla farina nella planetaria munita di gancio.

Impastate fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.

Trasferite la massa direttamente nello stampo da plumcake imburrato e lasciate lievitare per 2 ore fino a quando  il composto non raggiunga  i bordi  dello stampo.

Preriscaldate il forno a 200° C, infornate e riducete la temperatura a 170 ° C lasciando cuocere il pane per 55 minuti circa.

Ottimo con i salumi o con delle verdure, ottimo con la corallina o la finocchiona oppure con i carciofi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Frittata di pane fiori di zucca e alici

 

A casa mia il pane raffermo non si butta mai! Trovo sempre il modo di riciclarlo, in questo caso ho optato per una frittata…

Inizio a fare le prove tecniche di pasquetta, quindi un piatto che si può preparare anche per un pic nic  fuori porta.

 

Ricetta per due persone:

4 uova

50 gr d pecorino grattugiato

10 fiori di zucca

4 alici sott’olio

200 gr di pane raffermo

½ cucchiaino da caffè di bicarbonato

Sale qb

Olio un cucchiaio per ungere la padella.

 

Pulite i fiori di zucca, togliete stelo e pistillo, lavateli e riduceteli in filetti. In una bowl sbattete le uova, unite il pecorino, in un’altra bowl fate rinvenire il pane raffermo con l’acqua quindi strizzatelo e sbriciolatelo dentro le uova, unite i fiori di zucca, le acciughe sott’olio tagliuzzate, il bicarbonato, il sale infine versate il composto in una padella antiaderente, unta con  olio, precedentemente riscaldata, chiudete con il coperchio e fate cuocere a fuoco lento, quando la frittata si è rassodata giratela e coprite nuovamente, continuate la cottura  per qualche minuto fino a che non avrà finito di cuocersi.

Servitela calda anche se devo direi che fredda ha il suo grande  perché.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

Funghi ripieni di couscous con zucca e funghi al profumo di santoreggia

 

Un piatto sfizioso, buonissimo, molto gustoso ed estremamente light.

Ingredienti per 1 persona:

70 gr di couscous integrale

4 funghi grossi portobello

Una fetta di zucca

Uno scalogno

Sale qb

Pepe nero qb

Santoreggia 3 ramoscelli

 

Per il couscous seguite le istruzioni riportate nella confezione.

Preparazione:

affettate e tagliate a dadini la zucca, pulite i funghi, togliete i gambi ed affettateli a cubetti, fate lo stesso con uno dei 4 funghi poi tritate lo scalogno. In una padella fate cuocere con la loro acqua gli ingredienti, dopo salate e se necessita, aggiungete una tazzina di acqua calda.

Gli ortaggi devono essere poco cotti lasciandoli un po’ croccanti.

Ponete i funghi su una placchetta da forno rivestita con carta da forno.

Sgranate il couscous, unite il condimento, un cucchiaino di olio e le foglie di santoreggia, ma non tutte, lasciatene un po’ per finire il piatto.

Prima di infornare, irrorate i funghi col liquido di cottura della zucca e dei funghi ed il rimanente olio, infine cuocete a 200° per 15 minuti.

Servite con qualche fogliolina di santoreggia.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Mimosa gluten free senza lattosio

A casa mia il dolce della primavera ogni anno mi cimento con nuove farcitura quest’anno una mimosa gluten free senza lattosio ripiena di crema diplomatica e fragole golosa, buona e conviviale …per tutti!

Ingredienti per una torta di 22 cm di diametro,

Per il pan di spagna:

5 uova medie

75 gr di farina di farina di riso

75 gr di fecola di patate

 Mezzo baccello di vaniglia

 Un pizzico di sale

Per la crema pasticcera:

4 tuorli

500 gr di latte senza lattosio

Una scorza di limone non trattato

Zucchero   120 gr

Maizena 40 gr

Panna fresca  senza lattosio 250 gr

Zucchero   a velo  100 gr

Per la bagna 30 ml di acqua

20gr di zucchero

 un cucchiaio di limoncello

Preparazione per il pan di spagna:

Versate le uova nella planetaria munita di frusta, unite lo zucchero, le bacche di vaniglia ( incidete il baccello per il senso verticale e raschiate con il coltello i semi), il pizzico di sale, montate per 10 minuti a velocità  media fino ad ottenere un composto spumoso e gonfio.

A mano con una leccarda, con un movimento dall’alto verso il basso, unite la farina riso e la fecola, il composto deve rimanere gonfio e spumoso.

Imburrate ed infarinate ( con la farina di riso) uno stampo a cerniera da 22 cm, versate il composto nello stampo e cuocete a 160° per 40 minuti circa.  Lasciatelo in forno spento per 10 minuti, quindi sfornatelo e fatelo raffreddare.

Per la crema Diplomatica

Crema pasticcera:

Mettete il latte e la scorza di limone in una casseruola, a fuoco lento portate quasi ad ebollizione poi spegnete, nel frattempo, in una ciotola versate i tuorli e lo zucchero,  lavorateli con lo sbattitore, unite la maizena, con un mestolo unite il latte e mescolate con la frusta a molla piatta poi  accendete nuovamente la fiamma e continuate a girare fin quando la crema non si sarà addensata,  spegnete, togliete le scorza del limone e versatela in una terrina di vetro bassa e larga, coprite con la pellicola trasparente e fatela raffreddare.

Montate la panna aggiungendo poco per volta lo zucchero a velo, quando sarà spumosa incorporatela alla crema pasticcera.

Per la bagna:

Mescolate l’acqua con lo zucchero ed il limoncello.

Tagliate il pan di spagna in modo da togliere la calotta.

Con un coltello a punta tagliate lungo la circonferenza del pan di spagna avendo cura di lasciare

1 cm di spessore.

 Tagliate a metà superficialmente la circonferenza, aiutandovi con un cucchiaio estraete la parte centrale del pan di spagna,( dovete lasciare 2 cm di fondo) questa vi servirà dopo per coprire.

Spennellate con la bagna il pan di spagna e versate la crema, coprite con la calotta, bagnate con la bagna, ricoprite di crema.  Grattugiate il pan di spagna estratto e ponetelo sulla torta ricoperta di crema, mettete in frigo per almeno 4 ore, prima di servire spolverate con lo zucchero a velo.

Questo slideshow richiede JavaScript.